Come Preparare le Uova Strapazzate al Tartufo

Il tartufo nero è un tipo di fungo molto pregiato e costoso, dal profumo delicato e dal sapore intenso; ideale da abbinare a qualsiasi tipo di pietanza, riesce a dare quel tocco di classe in più alle vostre ricette.

Oggi ho pensato di proporvi una ricetta molto semplice, ma dal successo assicurato: uova strapazzate con scaglie di tartufo nero. Una vera delizia.

uovo

Ingredienti
tartufo nero, 100gr
uova, 5
burro
panna da cucina, 100ml
sale, pepe

Preparazione
Per questa ricetta è consigliata la preparazione il giorno prima. Mettete i tartufi freschi all’interno di un contenitore ermetico insieme alle uova, il profumo dei tartufi penetrerà nel guscio dell’uovo già dalla sera prima.

Il giorno seguente prendete i funghi, tagliateli a scaglie molto sottili e metteteli a sbollentare per una decina di minuti in un pentolino con un cucchiaio di acqua salata.

Nel frattempo, sbattete le uova insieme alla panna e aggiungete il tutto al pentolino con i tartufi.

Prendete quindi un’altra casseruola che avrete unto con un po’ di burro e versate lentamente il composto appena preparato. Quando vedete che le uova iniziano ad addensarsi formando una crema, toglietele dal fuoco e continuate a mescolarle finché non avranno raggiunto una consistenza perfetta.

Da servire immediatamente.

Come Preparare i Pomodori Secchi

L’estate è anche il periodo della preparazione di confetture, conserve e deliziosi manicaretti da gustare durante tutto l’anno.

Uno di questi sono i pomodori secchi sotto olio, un antipasto gustoso e un contorno saporito, da abbinare ai piatti di care e di pesce. Questa delizia si può, del resto, utilizzare come condimento per la pasta, come abbiamo visto per la ricetta delle orecchiette con pomodori secchi e rucola.

pomodori

Ma vediamo ora come procedere nella preparazione.

Ingredienti
pomodori secchi, 600gr
alloro, 2 foglie
aglio, 4 spicchi
peperoncini piccanti, 2
aceto di vino bianco
olio

Preparazione
Iniziamo la nostra ricetta prendendo una pentola abbastanza capiente e versandoci all’interno un litro di acqua e uno di aceto. Appena il liquido prenderà il bollore, aggiungeteci le foglie di alloro intere e i pomodori secchi e fate cuocere il tutto per un paio di minuti da quando il liquido ricomincia a bollire.

Una volta pronti, solati bene e distendeteli sopra un canovaccio. Copriteli con la carta assorbente e lasciateli a riposare così per un giorno circa.

Nel frattempo, tagliata a fettine sottili l’aglio e il peperoncino. Prendete quindi un vaso e alternate uno strato di pomodori con un paio di fettine di aglio e di peperoncino. Procedete così, finché non avrete ultimato gli ingredienti. Coprite infine il tutto con olio d’oliva e chiudete ermeticamente i contenitori.

Riporre in un luogo fresco e asciutto per almeno due settimane.

Come Scegliere un Clarinetto

Il clarinetto è uno degli strumenti a fiato più conosciuti. Rientra nella numerosa famiglia dei legni. Prima di comprarne uno dovete capire se realmente avete il tempo e la pazienza di dedicarvi allo studio. Il clarinetto infatti non è tra gli strumenti più economici.

Tanto per iniziare non comprate mai un clarinetto di seconda mano, nemmeno se siete principianti. E’ bene abituarsi al proprio strumento e padroneggiarlo sin da subito. Scegliete quindi negozi specializzati e diffidate delle vendite on line. Il clarinetto è uno stumento costoso, quindi è facile cadere nella tentazione di risparmiare qualche euro.

clarinetto

Diffidate dagli sconti eccessivi; sicuramente nascondono qualche inconveniente. Soprattutto se siete principianti fatevi accompagnare in negozio da qualcuno più esperto di voi, preferibilmente dal vostro insegnante. Provate il clarinetto. Se state iniziando adesso ad imparare comprate un modello da studio, ma sempre di buona qualità.

I clarinetti da studio in genere sono costruiti in plastica. Se siete già pratici dello strumento e magari volete sperimentare altre tipologie di suoni allora, soltanto in questo caso, potreste acquistare un clarinetto di seconda mano. Nuovamente il consiglio è quello di scegliere uno strumento di marca.

A parte acquistate sempre un buon bocchino (dalla qualità di quest’ultimo dipende la qualità del suono). Importante è anche la custodia. In genere questa viene venduta insieme allo strumento. Fondamentale è la qualità dell’imbottitura. La custodia inoltre dovrebbe essere ergonomica e abbastanza comoda, deve proteggere e mai pressare il clarinetto.

Come Preparare Pane con Orzo

In cucina il segreto per un’alimentazione corretta parte sicuramente dal controllo degli ingredienti, che noi stessi selezioniamo con attenzione e quindi il risultato non può essere che il più genuino possibile.

Questo è anche il trucco per controllare l’eccesso di calorie nella dieta, e stare a regime, ma senza rinunciare a troppo. Oggi dunque, dopo avere visto come si prepara il buonissimo pane al sesamo, impariamo un’altra versione molto sfiziosa e anche leggera. Ecco come fare il pane con orzo con la ricetta facile.

orzo

Gli ingredienti
200 gr di farina d’orzo
250 gr di farina integrale
20 gr di lievito di birra
olio extra vergine di oliva, 2 cucchiai
un pizzico di sale
acqua tiepida q.b.

Come si prepara
Prima di iniziare, è importante sapere che oggi sono disponibili elettrodomestici per automatizzare la preparazione. Relativamente a questi dispositivi è possibile vedere questo blog sulla macchina del pane. In questa guida viene invece utilizzato il forno.

Fate una fontana su una spianatoia con le due farine. Nel mezzo aggiungete un pizzico di sale, l’olio d’oliva e lentamente versate un mezzo bicchiere di acqua tiepida dove avete fatto sciogliere precedentemente il lievito di birra. Iniziate ad impastare (aggiungete ancora acqua se l’impasto è troppo dura) e continuate ad impastare vigorosamente fino a quando non avrete ottenuto una panetta compatta e omogenea.

Lasciate riposare l’impasto in forno in una terrina coperta da un canovaccio per tutta la notte. La mattina riprendete l’impasto e date la forma che desiderate. Accendete il forno e fatelo scaldare a 200 gradi. Adagiate il pane sulla teglia oleata, e infornate per 40 minuti.

Come Fare i Pomodori Canditi

Il pomodoro è uno di quei frutti che mi fa pensare all’estate. Per questo e per il suo colore vivace, tende a mettermi sempre di buon umore.

Oggi vi vorrei proporre una ricetta che va benissimo sia come antipasto, che come contorno. Vista la sua semplicità, la può fare davvero chiunque. Il successo è assicurato.

pomodoro

Ingredienti
pomodori maturi e grossi, 4
zucchero, 2 cucchiai
sale, pepe, olio

Preparazione
Iniziamo la nostra semplicissima ricetta facendo bollire in un pentolino dell’acqua; immergete poi i pomodori per un minuto (non di più, altrimenti si cucinano) e poi sbucciateli.

Prendete una teglia avvolta dalla carta forno dove avrete precedentemente versato un filo di olio e posizionateci sopra i pomodori tagliati a spicchi. Date una spolverata con lo zucchero, il sale e il pepe. Mettete a cuocere il tutto nel forno preriscaldato a 250° per una mezz’oretta. Una volta pronti, lasciateli raffreddare prima di servire in tavola.