Come Realizzare un Vaso di Legno Spugnato

Hai voglia di qualcosa di nuovo e che allo stesso tempo sia stata creata da te? Non c’è nulla di meglio che decorare un vaso di legno grezzo. Risulta essere un lavoro semplice, piacevole e rilassante, un modo per trascorrere bene il tuo tempo libero e nello stesso tempo abbellire la tua casa con le tue mani. Ecco cosa devi fare.

Prendi un vaso di legno grezzo. Se ne trovano a prezzo bassissimo nei negozi di casalinghi o in cartoleria. Naturalmente questa guida ti permette di decorare qualsiasi oggetto ma prendiamo il vaso come esempio. Comincia stendendo su tutta la superficie un fondo color verde muschio. Bada che il colore deve essere uniforme e deve coprire l’intera superficie, esclusa la base del vaso che dipingerai quando il resto sarà completamente asciutto. La vernice acrilica si asciuga quasi subito.

Prima di procedere con la spugnatura bisogna appurare che l’impronta lasciata dalla spugna sia quella che desideriamo. Per essere sicuri di questo, dobbiamo provare la spugna su un foglio di carta. Applica ora sul vaso uno strato di colore verde azzurro molto deciso e denso. Non bisogna soffermarsi troppo sullo stesso punto altrimenti il risultato non sarà quello desiderato e la spugnatura non risulterà uniforme.

Adesso si passa a dipingere i bordi con il verde muschio cercando di non macchiare i bordi. Risulta essere il momento di dipingere la base con un bel colore intenso che va scelto tra quello del fondo o quello della spugnatura. Per eseguire questa operazione dobbiamo usare un pennello piatto che sia anche molto piccolo per evitare sbavature. Lascia asciugare e dopo potrai esporre il tuo vaso possibilmente su un mobile di colore chiaro.

Come Realizzare un Vassoio Floreale

Per tutti gli amanti del genere decoupage un vecchio vassoio in legno è perfetto per l’utilizzo della tecnica della screpolatura con il metodo a due componenti, ideale per conferire al lavoro un aspetto omogeneo e naturalmente invecchiato. Potrete così offrire il vostro tè con estrema eleganza o anche utilizzare il vassoio come suppellettile.

Occorrente
Vassoio
Colore acrilico avorio
Colori acrilici nelle tonalità fra il verde
L’arancio e il giallo oltre al terra d’ombra naturale
Medium ritardante
Carta con le rose
colla da decoupage
Pennelli piatti
Pennellini da ritocco
Ritaglio di gommapiuma
Vernice flatting sintetica opaca
Gomma arabica già pronta o da preparare
Colore a olio terra d’ombra naturale e medio essiccante
Vernice all’acqua
Cera neutra

Dipingete il vassoio in modo uniforme con il colore avorio. Ritagliate il soggetto di carta che incollerete nella posizione centrale e ricoprite tutto il vassoio con uno strato di colla vinilica. Lasciate asciugare bene. Solo a questo punto, prima di stendere le vernici screpolanti, se lo desiderate potete intervenire con ritocchi pittorici. Nel nostro caso sono state create delle sapienti sfumature chiaro scure con l’aiuto di colori acrilici, medium ritardante, pennellini e spugnetta di gommapiuma.

Ad asciugatura avvenuta, stendere una mano di vernice flatting sintetica opaca su tutta la superficie dell’oggetto. Lasciate il vostro lavoro in luogo asciutto e privo di polvere iniziando a controllare dopo circa due ore lo stato della superficie che dovrà essere asciutta al tatto ma leggermente appiccicosa alla pressione. A quel punto stendete una mano di gomma arabica in modo uniforme, tirandola con il pennello fino a quando non avrete ricoperto completamente l’oggetto.

Lasciate asciugare all’ombra evitando fonti di calore. In caso di eccessiva umidità, che potrebbe pregiudicare la formazione delle crepe, ponete l’oggetto sotto un ventilatore d’aria. Dopo 48 ore iniziate la fase di annegamento con vernice all’acqua, ultimata la quale si passerà alla finitura dell’oggetto con vernice sintetica ed eventualmente cera.

Come Preparare Tartine di Aragosta

Ecco una ricetta facile e veloce ma di grande classe, le tartine di aragosta.

Ingredienti
pancarrè, 4 fette
aragosta, 1
burro, una noce
prezzemolo, un ciuffetto
succo di mezzo limone
sale, pepe, olio

Tempo di preparazione: 20 minuti

Preparazione:
Iniziamo la nostra ricetta mettendo la polpa di aragosta a lessare in un pentolino con abbondante acqua salata.

Nel frattempo, mettete a tostare il pancarrè in forno, in modo che diventi un po’ croccante. Prendete quindi una ciotolina e formate una emulsione con il succo di limone, un cucchiaio di olio, il prezzemolo tritato, sale e pepe: mescolate bene e mettete a riposare per 15 minuti circa.

Prendete ora le fette di pancarrè e tagliatele a quadrati non troppo piccoli, imburratele leggermente e riponetevi sopra la polpa di aragosta tagliata a fettine sottili. Condite il tutto con un filo di emulsione precedentemente preparata.

Tipi di Ferro da Stiro – Quale Scegliere

Sul mercato sono presenti vari tipi di ferro da stiro, con caratteristiche diverse, e quindi è importante capire quale risulta essere la tipologia più adatta per le proprie esigenze.

Il ferro da stiro a vapore è forse il più comune.
Risulta essere semplice da utilizzare e ha un costo ridotto.
Solitamente il serbatoio è ridotto, è quindi l’ideale per chi non ha molti vestiti da stirare.

Il ferro da stiro con caldaia è più pesante e ha un costo superiore.
Ha il vantaggio di permettere di stirare per lungo tempo senza la necessità di aggiungere acqua nel serbatoio.
Risulta essere quindi consigliato a chi deve stirare molti vestiti alla volta.

Il ferro da stiro verticale rappresenta una novità e si caratterizza per una struttura molto differenta da quella dei normali ferri da stiro.
Risulta essere semplice da utilizzare, molto veloce e ha un prezzo non troppo elevato.
Non è però molto preciso.

Il ferro da stiro da viaggio è stato ideato per essere trasportato.
Si tratta quindi di un dispositivo piccolo e leggero.
Non è adatto per stirare molti vestiti alla volta, ma può essere utile per chi ha la necessità di viaggare spesso e vuole stirare i propri abiti sul posto.

A queste categorie si aggiunge poi la pressa da stiro, che rappresenta un’alternativa ai ferri da stiro e che è solitamente utilizzata in ambito professionale.
Per dettagli sul funzionamento è possibile fare riferimento al sito Pressedastiro.com.

Come abbiamo visto, sul mercato sono presenti ferri da stiro molto diversi tra di loro e la scelta deve essere fattta in base alle proprie esigenze.
Indipendentemente dalla tipologia scelta, è necessario valutare con attenzione la qualità del prodotto che si compra.

Come Realizzare Barca di Carta

Uno dei più classici origami: la barchetta, quella che galleggia veramente, fino a quando non si bagna troppo, si intende. Se non hai mai provato la puoi realizzare in pochi e abbastanza semplici passi. Può essere un ottimo esercizio di manualità per i numerosi bambini, oggi più propensi verso il mondo digitale.

Dal foglio al triangolo
Piega su se stesso un foglio di carta A4 a metà del lato piu lungo. Fai in modo che i bordi esterni della piega si uniscano centrali formando due triangoli rettangoli. Solleva uno dei due rettangoli di carta sottostanti ai triangoli, piegalo sulle due figure geometriche e ripiega sul lato opposto le linguette che fuoriescono lateralmente.Fai la medesima operazione con l’altro rettangolo di carta dal lato opposto.

Da una figura all’altra
Poniti con le dita al centro della nuova figura formatasi ma su entrambi i lati, favorendone uno scorrimento verso l’esterno: si forma così una figura che dovrebbe avere i quattro lati uguali. Su entrambe le facce della figura, ribalta sull’unico angolo liscio il suo opposto. Adesso la figura sarà triangolare e la sua ipotenusa divisa in due parti uguali da entrambe le facce, proprio da ciascuno di questi punti centrali, le tue dita faranno scorrere all’esterno la composizione, ritorna così un quadrilatero.

Ultime operazioni
Stavolta osserva l’unico angolo da cui fuoriescono la punta superiore della barchetta e i bordi dei due triangoli, tirando questi ultimi versol’esterno, la barca è completa nella struttura non resta che stirarla a tuo piacimento sui due lati e rendere meno piatta la parte centrale a punta, utilizzando le dita che farai entrare dalla fessura sottostante.