Come Decorare un Mobile in Stile Cinese

Avete mai pensato di decorare i vostri oggetti in stile orientale e in rilievo? Ecco una semplicissima guida che vi darà qualche simpatico spunto, pratico ed originale per decorare, per esempio, la superficie di un vecchio comodino usando dei semplici gusci di uova.

Il metodo descritto nella guida seguente, per decorare in stile orientale con i gusci delle uova, può essere adoperato per tantissimi oggetti che abbiano una superficie rigida, come per esempio un vecchio comodino da ristrutturare, un tavolo, un quadro e via dicendo. Ecco come fare: prendete i gusci delle uova.

Immergete i gusci all’interno di una bacinella con acqua e un po’ di candeggina in modo da eliminare gli odori e pulirli per bene. Lasciateli asciugare perfettamente. Avrete tutto il tempo per disegnare con una matita, una composizione orientale sulla superficie che volete decorare. Dei semplicissimi fiori con piccoli petali andrà benissimo.

Adesso prendete i gusci e cominciateli a spezzettare con una pinza, dandogli più o meno la forma di ogni petalo che avete disegnato. Spargete un pò di colla su tutta la superficie del primo petalo, quindi riempite la superficie con il guscio, schiacciandolo in modo da dare un effetto frammentato. Una volta terminato il lavoro, passate del semplice fissativo.

Come Creare una Farfalla con la Corta

Il soggetto è uno dei più popolari da piegare con l’origami e c’è un maestro giapponese che ha piegato numerose e diverse specie con molte varianti. Per questo modello usa un quadrato di carta sottile e ruvida

Inizia con una base triangolare: piega un foglio quadrato a metà, unendo gli angoli opposti. Dispiega, quindi ruota il foglio in modo che la prima piega sia verticale. Piega a metà da angolo ad angolo un’altra volta, aggiungendo una pre piega perpendicolare alla prima piega. Dispiega ancora. Gira il foglio e fai un’ulteriore pre-piega, piegando il foglio a metà da lato a lato, poi dispiega e rigira alla posizione originale. Con un dito, spingi in basso il foglio al centro.

Prendi il foglio lungo i bordi laterali verticali. Usando le pieghe diagonali inferiori esistenti, fai incontrare i due lati con cura, in modo da appiattire i lati e facendo si che si trovino sull’area triangolare centrale nella metà inferiore del foglio. Schiaccia la facciata superiore del foglio, in modo che tutte le pieghe si ripieghino in posizione.

Adesso capovolgi la base triangolare appena terminata rispetto alla sua posizione più nota. Piega l’angolo inferiore verso il bordo in cima. Piega a valle (in avanti) gli angoli in basso più esterni di una piccola misura. Dispiega l’ultimo passaggio. Ripiega con cura, piegando il lato sinistro superiore del foglio solamente, questa volta. Per far questo devi aprire leggermente la tasca lungo il bordo del risvolto triangolare piegato in precedenza.

Piega entrambi i risvolti più in alto della base triangolare verso il basso vicino alla linea centrale verticale. Queste sono le ali posteriori. Piega a monte (all’indietro) il modello a metà, unendo i due gruppi di ali. Prendendo un lato singolo, piega l’ala davanti più vicina in alto verso di te, su una piega che è leggermente obliqua rispetto al bordo superiore. Ripeti sulla facciata opposta.

Come Scegliere e Conservare il Vino Bianco

Ecco alcuni semplici consigli per chi vuole saperne di più sulla scelta e la conservazione del buon vino bianco.

Innanzitutto, quando acquistiamo una bottiglia di vino la prima cosa da fare è quella di controllare sempre l’etichetta, leggendola con cura. Infatti, oltre alle obbligatorie informazioni, alcuni produttori riportano sulle etichette anche delle indicazioni su come servire il vino e con quali piatti accostarlo.

Quando scegliete un vino da acquistare badate che questo non sia stato conservato a lungo esposto in vetrina oppure vicino a fonti di luce e di calore. Infatti, per preservare tutte le sue qualità, il vino deve essere conservato al buio, in un luogo fresco e con un discreto tasso di umidità (il 70% circa).

Una volta acquistato il vino, se possibile, il modo migliore per conservarlo è quello di adagiare le bottiglie in posizione orizzontale su dei ripiani di legno, quelli tipici delle cantine. Sul mercato sono disponibili anche appositi portabottiglie per vino. Infatti, il legno è il materiale che viene prediletto per questo tipo di scaffalature in quanto attutisce colpi e eventuali vibrazioni.

Per quanto riguarda la temperatura di servizio, questo è un elemento imprescindibile della corretta degustazione del vino, e che non va assolutamente sottovalutato. La temperatura di servizio per i vini bianchi secchi si aggira intorno agli 8-10 gradi e una volta aperta la bottiglia andrebbero consumati al massimo entro due giorni.

Anche la scelta del calice è fondamentale nella degustazione del vino in generale e di quello bianco in particolare: il calice a forma di tulipano esalta infatti le caratteristiche dei vini bianchi freschi: la forma del calice sarà leggermente svasata in modo che i profumi del vino possano convogliare facilmente verso l’olfatto di chi degusta.

Come Decorare un Mobile con Effetto Rattan

Il rattan è un materiale molto usato per i mobili da esterno, anche se spesso è usato per l’arredo da interni. Il rattan si combina benissimo all’arredamento etnico. Questa guida spiega come realizzare l’effetto rattan. Risulta essere possibile trasformare il tavolo, i mobili, le sedie e con poca spesa l’arredamento è rinnovato.

Occorrente
Cartone ondulato
Colla vinilica
Pennelli
Vernice

Iniziamo con la decorazione di un mobile. Procurati il cartone ondulato, una riga, una matita e delle forbici. Per prima cosa, devi misurare il piano del mobile e le facce laterali, poi ritaglia dal cartone delle sagome aventi le medesime dimensioni. Carteggia leggermente la superficie, prima di stendere la colla. Diluisci la colla vinilica con l’acqua e pennella il piano del mobile, poi attacca il cartone ondulato. Dai una passata di colla sul cartone e lascia asciugare. Stendi una seconda mano di colla.

Ricopri ora le facce laterali del mobile, procedendo allo stesso modo.Terminato il rivestimento, devi dipingere il mobile; puoi usare la vernice bianca oppure marrone. Prendi un pennello e stendi il colore sulla superficie del mobile. Passiamo ora alla decorazione del tavolo; devi misurare il piano d’appoggio e ritagliare la sagoma dal cartone ondulato. Usa la colla vinilica diluita per attaccare il cartone e dipingi tutto il tavolo (piano e gambe) con la vernice. Per rifinire il lavoro, appoggia sul piano una lastra di vetro.

Terminiamo con la decorazione delle sedie; devi misurare la seduta e ritagliare la sagoma dal cartone ondulato. Diluisci la colla vinilica ed unisci il cartone alla sedia. Dipingi poi tutta la struttura con la vernice scelta. Prosegui il lavoro decorando le altre sedie. Seguendo le indicazioni di questa guida, hai la possibilità di cambiare immagine a tutto il tuo arredamento; puoi decorare la cassettiera, l’attaccapanni, l’armadio, i comodini, la libreria.

Come Creare Decorazione per Lampada

Questa è un’idea che sa di primavera e che renderà la base di una tua lampada un po’ anonima, molto più scenografica e non convenzionale. Per riuscire ad effettuare tale decorazione basterà che tu segua i facili consigli scritti all’interno di questa guida.

Occorrente
Base per lampada in terracotta
Murrine millefiori bianche
Tessere di ceramica di colore giallo
Colla Weldbond
Pennello per colla
Tenaglia a rotelle per vetro
Tenaglia tradizionale
Forbici
Scotch di carta
Cartoncino leggero
Matita
Cemento
Acqua
Ferro da stucco
Pinzetta

Come primo passo devi prendere una lampada che abbia la base in terracotta e che decorerai con murrine millefiori bianchi.
Per far questo disegna una margherita su un cartoncino, ritaglia la sagoma e riportala sulla base in terracotta, tante volte quante ne occorrono per coprirne l’intera circonferenza.

Inizia il mosaico dal centro delle margherite, sagomando le tessere di ceramica con la tenaglia tradizionale e incollandole a pennello. Con la pinzetta incolla le murrine per formare il bordo dei fiori, lasciando meno spazio possibile tra l’una e l’altra, per evitare fuoriuscite di cemento durante la fase di stuccatura.

Riempi i petali delle margherite con le tessere di vetro tagliate irregolarmente con la tenaglia a rotelle. Quando la colla è ben asciutta, procedi con la stuccatura e la pulitura facendo attenzione a non sporcare la base di terracotta durante la stuccatura, procedi per questo motivo lentamente e con una spatola piccola.