Come Preparare il Fiapon

Il piatto si fa con gli avanzi di polenta o pezzi di polenta fatti da te. In questa guida ti indico come prepararlo, impiegherai circa un’ora ma vedrai che i risultati ti premieranno, sia se lo prepari per i familiari che per eventuali ospiti. Sarà comunque un ottimo piatto.

Occorrente
Polenta (o avanzi) 6 fette
Zucchero 2 cucchiai
Limone 1
Farina
Olio

Prendi un contenitore e sbriciola al suo interno le fette di polenta. Prendi il limone e grattugia la sua scorza facendola andare nel contenitore con la polenta sbriciolata. Inizia ad impastare mettendo un poco di farina, quanto basta per avere un composto omogeneo e non troppo morbido. Appena l’hai ottenuto non impastare più.

Prendi il composto ottenuto, mettilo su un piano e con il matterello spianalo in modo da avere una sfoglia alta pochi millimetri. Poi prendi una padella, taglia la sfoglia ottenuta in modo da avere dei dischi del diametro uguale a quello del fondo della padella o leggermente più piccolo, ma non di molto.

Prendi la padella e mettila sul fuoco mettendo la fiamma al valore medio, metti al suo interno dell’olio e poi mettigli uno dei dischi che hai tagliato, lascialo friggere, girandolo in modo da rosolarsi da entrambi le parti. Appena pronto sgocciolalo e mettilo in un piatto. Fai lo stesso con gli altri e servirli ben caldi.

Come Fare un Fiore a Due Punte con i Tovaglioli

In questa guida, vi darò alcuni consigli per abbellire le vostre tavole vestite a festa. Potrete piegare i tovaglioli dei vostri ospiti in maniera elegante e raffinata, sicuramente originale. Leggete attentamente la guida e scoprirete quanto è facile essere originali!

Stendete il tovagliolo davanti a voi sul tavolo con il rovescio verso di voi. Piegate quindi, il tovagliolo a metà verso l’alto. A questo punto, prendete l’angolo in alto a sinistra e lo piegate in diagonale verso il basso fino al centro del rettangolo, quindi procedete con l’altro angolo in maniera speculare, ovvero, prendete l’angolo di destra in basso e lo piegate in diagonale verso l’alto fino al centro.

Ottenuta la figura di parallelepipedo, voltate il tovagliolo e teniamo come base il lato più lungo. Piegate, quindi, il tovagliolo orizzontalmente, portando il lato superiore su quello inferiore. Comparirà a sinistra un triangolo. Liberate quindi, anche anche il triangolo nascosto sotto la piegatura della parte destra del tovagliolo.

Inserite l’angolo di sinistra nella tasca formata dal triangolo di destra. Voltate adesso il tovagliolo. Inserite adesso l’angolo di sinistra nella tasca di destra. Otterrete quindi due punte. A questo punto non resta altro che dargli la forma e metterlo in piedi sulla tavola. Ecco pronto il fiore a due punte.

Come Preparare Dolce di Latte

Il Dulce de Leche è un dessert a base di latte. È un dolce tipico argentino ed è molto popolare in gran parte del Sud America. Ha un sapore che ricorda le caramelle Mou ed è anche una crema spalmabile. La si può mangiare da sola, spalmata sul pane o su un dolce.

Occorrente
Prima ricetta: 1 barattolo di latte condensato Nestlé
Seconda ricetta: 1 litro di latte intero, mezzo cucchiaino di Bicarbonato, 250 gr di zucchero

Esistono due ricette per fare questo particolarissomo dolce: la prima è quella più rapida. Riempi con acqua fredda una pentola grande, mettici il barattolo di latte condensato e ponila sul fuoco. Fai cuocere per almeno due ore e mezza, avendo cura che il barattolo sia sempre coperto d’acqua, altrimenti potrebbe scoppiare. Trascorso il tempo, togli dal fuoco, tiralo fuori dall’acqua e lascialo intiepidire prima di aprire il barattolo.

Ecco invece il procedimento più lungo: metti in una pentola capiente il latte e portala sul fuoco a fiamma media. Quando inizia a bollire, aggiungi lo zucchero, mescolando con una frusta per farlo ben sciogliere. Porta la pentola lontano dal fuoco, aggiungici il bicarbonato, mescola e rimetti sul fuoco. Abbassa la fiamma in modo che il latte bolla lentamente.

La cottura avviene in circa 1 ora e mezza o 2 ore. Devi mescolare di tanto in tanto durante la prima ora e continuamente durante la seconda, in particolare quando inizia a prendere colore. Per capire quando è pronto, metti una goccia su un piattino e inclinalo: deve colare lentamente. Quando è pronto, mettilo in un vasetto di vetro sterilizzato, chiudi il coperchio, fai raffreddare e conservalo in frigorifero.

Come non Rovinare i Capi in Cotone

Cambio di stagione per i ritardatari come me!! Nonostante il tempo in questi giorni non sia dei migliori, la temperatura si è alzata e ci ritroviamo a dover fare il cambio stagione. Via magliette a maniche lunghe, ecco che si tirano fuori tutte quelle a maniche corte, ma…. Iniziano in primi problemi…

Le cose di cotone che dovete mettere via o quelle che entreranno in casa per i prossimi mesi hanno colori un po’ spenti? ci sono le fastidiose ombre gialle causate dai deodoranti? I vestiti sono un po’ stropicciati?

Ed ecco alcuni consigli che potranno essere utili, domestici in tutto e per tutto ma decisamente pratici:
Ingiallimento: Vista la bella stagione, cosa c’è di meglio di una bella insalata fredda con pomodori, tonno e uova sode?? Non sono impazzita… è come unire l’utile al dilettevole!! Bene… una volta sgusciate le uova, non buttate il guscio ma sciacquatelo e sbriciolatelo chiudendolo in un sacchetto di cotone… proprio quel sacchetto ben chiuso, aggiunto al bucato, leverà ogni traccia di ingiallimento dai vostri capi!!!

Bianco un po’ spento?: Se tenete in panni in ammollo, aggiungete un po’ di acqua ossigenata e lasciate per un po’… vedrete che il bianco risplenderà!

Stiratura: consiglio apparentemente banale ma… se non possedete un ferro da stiro a vapore o se non disponete di un’asse da stiro aspirante, stirate i panni ancora umidi ed il gioco è fatto.

Molto interessante.

Come Preparare il Cus Cus

Il cus cus e’ un piatto arabo, ma in Sicilia ha trovato la sua seconda patria. La guida che vi propongo e’ una delle varianti, che in Sicilia abbiamo adottato. Viene utilizzata come antipasto o come accompagnamento di aperitivi rinforzati. E’ una squisita variante della tradizionale pietanza conosciuta nel mondo.

Occorrente
1 pacco di cuscus precotto a grana grossa
1 melanzana
Pomodorini di pachino 500 gr,
Menta
Basilico
Cipolla rossa calabrese
Peperoncino
Olio d’oliva extravergine
Aglio rosso
Zucchine genovesi
Olive verdi sotto olio
Origano fresco

Per accorciare la lavorazione di questa ricetta ho inserito negli ingredienti il cuscus precotto.
Metti tutto il cuscus precotto in una ciotola di terracotta o di ceramica, in un’altra piu’ piccola metti il basilico, la menta, il rosmarino finemente tritati. Aggiungi abbondante olio d’oliva un po’ di sale ed un pizzico di peperoncino. Lascia marinare le erbe nell’olio per il tempo della preparazione che segue.

Lava e taglia a piccoli pezzetti la zucchinetta e la melenzana. Metti per 10 minuti a bagno in acqua e sale. Sbuccia la cipolla rossa e tagliala a micro pezzetti, strizzala in acqua e sale e fai sgocciolare.
Taglia i pomodorini in 4 pezzetti e lasciali in una ciotola con solo sale. Prepara un po’ d’acqua tiepida.

In una padella fai rosolare con uno spicchio d’aglio intero le zucchine e le melenzane sgocciolate. Mantieni da parte il sughetto che rilasciano cuocendo.
Prendi la ciotola con il cuscus e spruzza sul cuscus un po’ di olio con le erbe che avevi lasciato a marinare, gira e continua fino a quando tutto l’olio si e’ assorbito. Il volume del cuscus deve raddoppiare, aiutati con l’acqua tiepida ma il tutto deve rimanere abbastanza asciutto.

Sgocciola dal loro liquido i pomodorini e versali poco alla volta nel cuscus. Versa anche la cipolla tritata, e le zucchine e melanzane. Continua a girare e inserisci anche il liquido di cottura. Assaggia di sale e di peperoncino. In ultimo aggiungi della menta tritata della buccia di limone grattugiata e qualche oliva verde disossata e tritata.