Come Scegliere Legna da Ardere

Il fuoco, una delle più grandi bellezze della natura, dopo milioni di anni viene ancora sfruttato ed ammirato dall’uomo per le sue innumerevoli qualità. Il riscaldamento con la legna da ardere, infatti, è ancora oggi il più diffuso e il più apprezzato. Ma gli amanti dei forni con stufa, del fascino dei caminetti e dei falò sulla spiaggia, sanno davvero scegliere la legna giusta?

Il fuoco, nonostante la sua temibile pericolosità, riesce instancabilmente ad ipnotizzarci, soprattutto quando è in un bel caminetto acceso pieno di brace, di fiammelle e scintille che danzano e si alzano in volo. Tutto merito della legna, il combustibile per eccellenza che, riscaldato, arde e riscalda, cuoce, scioglie, affascina. Ma il tipo di legna che il nostro caminetto “mangia” è tutta uguale? Assolutamente no. E allora il primo passo consiste nel conoscere i tipi di legna. Non tutti, naturalmente, ma i più diffusi nel nostro Paese ed i più utilizzati. Essi sono: il legno di Quercia, il legno di Faggio, il legno di Abete, il legno di Castagno, il legno di Betulla, ma anche il legno di Larice, di Pioppo, di Ciliegio, di Pino, di Olivo, ecc. Tra questi, quali sono quelli più adatti per fare il fuoco?

1°posto: il legno di Quercia. Esso è sicuramente tra i migliori. Ne esistono di vari tipi, i più comuni sono il Rovere, il Cerro, il Leccio, la Farnia. Essendo compatto, brucia molto lentamente e mantiene il focolare acceso, seppure non con molta fiamma, anche per diverse ore.
2°posto: il Faggio. Anch’esso è un ottimo combustibile, compatto e pesante, duro e selvatico, insieme al legno degli alberi da frutto (solo se molto essiccato), che, tra le altre cose, mentre arde diffonde anche un buon profumo.
3°posto: incredibile ma vero, il legno di Castagno. Esso è un ottimo combustibile, a differenza di quanto sostengono le leggende popolari. Certo, questo non vale per chi ha caminetti “aperti” (in quanto questo legno lancia dei piccoli lapilli), ma in questi ultimi anni è un legno molto rivalutato riguardo al suo uso in termo-stufe e termo-camini. Ottimo prezzo, ottima fiamma e caloria.

Naturalmente, ogni buon appassionato del fuoco ha la sua legna d’eccezione, ma ricordatevi che non tutti i tipi di legna sono uguali e, per trovare il tipo migliore, è bene sempre provarli tutti. Preferibili sono i tipi duri e pesanti. Va bene la legna secca, ma non troppo. Ovviamente, se si deve tagliare la legna, è necessario uno spaccalegna manuale per romperla. Inoltre, la mia raccomandazione, nonostante possa sembrare scontata, è di fare attenzione a non bruciarsi mentre si accende un fuoco e mentre il fuoco arde.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *