Come Scegliere una Lavatrice

Per scegliere la lavatrice giusta, sono differenti le caratteristiche da tenere a mente al momento dell’acquisto, quasi tutte orientate ad un possibile risparmio energetico ed alla giusta gestione dei panni che mediamente ogni giorno si pongono a lavaggio.

Partiamo dal prezzo: esso è molto importante, soprattutto per l’impatto nell’economia quotidiana del possibile fruitore, ma non deve rappresentare per questo l’unica discriminante di scelta. E’ sempre bene quindi ricercare un basso prezzo corrispondente a caratteristiche ben specifiche.

Fossilizzarsi su una sola marca è sbagliato: spesso nomi a noi sconosciuti nascondono una tecnologia avanzata e dotata delle caratteristiche necessarie ad ottenere un risparmio sostanziale sia nella gestione che nella manutenzione.

Nello scegliere la lavatrice è necessario, superata l’impasse del prezzo, iniziare a pensare alla classe energetica di appartenenza dell’elettrodomestico. Qualsiasi cosa che sia maggiore della classificazione A per il lavaggio e di D per la centrifuga, può essere presa tranquillamente in considerazione con tranquillità.

Sotto questi termini è consigliabile non scendere, soprattutto in merito alla centrifuga, per mantenere i propri consumi su un livello di sostenibilità econimica accettabile. La lavatrice dovrà inoltre contare sulla possibilità di una centrifuga a mille giri del cestello, su una capienza dai 6 agli 8 chili minimo ( a meno che non si abbiano altre esigenze) ed a delle misure il più possibile contenute. Quest’ultima caratteristica è quella considerabile tra le più labili in merito alla scelta del dispositivo.

Una soluzione da considerare è poi la lasvasciuga, un elettrodomestico che combina le funzionalità di lavatrice e di asciugatrice. Per maggiori dettagli su questi dispositivi è possibile fare riferimento a questo sito sulle lavasciuga.

Uno dei fattori ritenibili basilari, al contrario, è la sua silenziosità. Minore è il rumore effettuato al momento del lavaggio e della centrifuga, maggiori saranno i vantaggi per il fruitore.

Una corretta manutenzione ed un servizio di assistenza come il nostro completano un quadro importante e funzionale per godere di un dispositivo dalle caratteristiche tecniche ineccepibile e dalla lunga durata. Economicità, sostenibilità ambientale, risparmio energetico: sono queste le tre variabili da non dimenticare mai nella propria scelta.

Come Giocare a Ping Pong

Gioco semplice, dinamico, adatto a tutti, davvero divertente. Vengono fatte delle gare agonistiche in materia, ci sono varie regole che possono essere tenute in considerazione, ma in questa guida verrà illustrata la regola basilare del gioco tradizionale.

Occorrente
Un paio di racchette da ping pong
Tavolo da ping pong
Pallina da ping pong
Due giocatori

I due giocatori si dovranno recare al tavolo da ping pong, che può essere scelto seguendo questa guida su Glisportivi.net, già muniti di apposita racchetta da ping pong e pallina. Ciascun avversario si troverà alla parte opposta dell’altro: Uno di loro inizierà a tirare la pallina con la racchetta e darà inizio alla partita. L’avversario della parte opposta si troverà nella necessità di dover parare la pallina in arrivo.

Se riuscirà nell’intento, la pallina rimbalzerà alla parte opposta ritornando all’avversario che ha dato inizio al gioco. Se invece non riuscirà a pararla, allora il primo punteggio verrà dato all’avversario che ha tirato per primo la pallina stessa. Durante il lancio della stessa, il colpo dovrà essere deciso, ma non troppo forte.

La pallina dovrà rimbalzare almeno una volta sul tavolo da ping pong prima di raggiungere l’avversario della parte opposta, proprio per regolare la velocità e permettere il gioco. Per entrambi gli avversari, è possibile spaziare da destra a sinistra del proprio lato del tavolo da ping pong, ma in caso di perdita della pallina, che va fuori da tavolo, l’assegnazione del punteggio va sempre all’altro giocatore.

Come Tenere in Ordine l’Ingresso di Casa

L’ingresso di casa è spesso difficile da tenere in ordine. Oggi mettiamo a disposizione alcuni consigli utili per fare ordine in questa zona dell’abitazione.

Scarpe e borse
Predisponi una scarpiera multifunzione, con uno scaffale capiente nella parte alta per riporre le borse senza rovinarle.

Ombrelli
Scegli un porta ombrelli capiente e con il fondo estraibile per evitare ristagni spiacevoli.

Giacche
Attrezza anche solo un piccolo spazio di 40 cm con uno stender appendiabiti, relativamente a cui è possibile vedere questa guida sullo stender appendiabiti e qualche comoda gruccia su cui riporre le giacche senza sciuparle.

Cellulare, spiccioli e altri oggetti presenti nelle tasche
Più che un generico svuotatasche (diventerebbe ben presto caotico), predisponi contenitori di dimensioni diverse, ciascuno dedicato a un elemento preciso.

Contatori e citofoni
Maschera i contatori all’interno di armadiature e circonda i citofoni con una composizione di quadri e stampe.

Seguendo queste semplici indicazioni è possibile avere un ingresso casa più ordinato.

Come Fare French Manicure Colorata

Invece della classica e volte troppo formale, french manicure, possiamo usare un’alternativa molto valida: usare la stessa tecnica, con un piccolo trucco per essere più precise per fare le lunette, ma sostituire il bianco e il rosa pastello con colori vivaci e più alla moda! In questo modo, magari per una festa tra amiche, saremo più originali.

Occorrente
Uno smalto matt, azzurro molto coprente
Uno smalto blu altrettanto coprente
Salvabuchi di carta (quelli che si usano nel quaderno ad anelli)
Smalto trasparente

Applica una base di smalto azzurrino, ma matt e coprente. Appena lo smalto si è asciutto, posiziona i salvabuchi: prendine uno passalo prima sulla mano per togliere un po’ di colla; la versione originale prevedeva di posizionare il salvabuco nella parte sottostante dell’unghia, così per ottenere l’effetto anni 50, con le unghie di due colori, invece, per avere una lunetta un po’ incurvata, posiziona il salvabuco nella parte sopra. Pigia per fissare.

Se hai fatto qualche sbavatura, non preoccuparti, perché quando lo smalto sarà asciutto, dopo circa 2 minuti, potrai correggere:se hai sbavato lo smalto scuro su quello chiaro, potrai, con un pennellino da eye-liner e lo smalto chiaro, ripassare sulla macchia – se hai sbavato lo smalto chiaro su quello scuro, con il medesimo pennellino da eye-liner potrai riempire lo spazio con lo smalto scuro e rendere poco più spessa la lunetta.

Naturalmente, puoi usare il trucco di usare i salvabuchi nelle tue nail-art: se non vuoi proprio una french manicure, puoi scegliere di posizionare la lunetta a un quarto dall’unghia, a metà, o magari fare una specie di arcobaleno posizionando la lunetta a diverse altezze e cambiando colore… ecc. Insomma, è una bella tecnica con cui puoi sbizzarrirti a stupire le tue amiche e le persone che ti circondano con look sempre diversi.

Come Preparare Polenta Pasticciata con Asiago e Funghi

Quando le temperature autunnali iniziano a farsi sentire, cosa c’è di meglio di un piatto bollente che riscalda l’animo? E da brava cittadina del nord Italia, non potevo che proporvi la ricetta della polenta pasticciata con funghi e asiago, facile da preparare e buona da leccarsi i baffi.

Ingredienti (per 2 persone)
farina per la polenta, 200gr
funghi freschi, 300gr
prezzemolo tritato
formaggio asiago, 200gr
parmigiano grattugiato
aglio, uno spichio
sale, pepe, olio

Tempo di preparazione: 1 ora e 30 minuti

Preparazione:
Iniziamo la nostra ricetta partendo dalla preparazione della polenta: prendete un pentolino e riempitelo a metà con dell’acqua e aggiungete il sale; una volta raggiunto il bollore, versate la farina per la polenta e iniziate a mescolare fino a quando non avrà raggiunto la cottura preferita. Se non si ha voglia di girare, è possibile utilizzare un paiolo elettrico. Mettetela infine a raffreddare e procedete tagliandola a fettine.

Nel frattempo, proseguite con la preparazione dei funghi: dopo averli puliti, tagliateli a fettine. Prendete una padella abbastanza capiente e versateci all’interno un filo d’olio: mettete a imbiondire l’aglio finché non si sarà rosolato per bene, quindi versate i funghi e procedete con la cottura finché non saranno pronti. A questo punto aggiustate di sale e pepe e coprite con una spolverata di prezzemolo tritato.

Prendete ora una pirofila da forno precedentemente imburrata e alternate uno strato di fettine di polenta con uno di formaggio asiago, uno di funghi e uno di parmigiano grattugiato, fino a quando non avrete terminato tutti gli ingredienti. Ricordatevi che l’ultimo strato deve essere formato dal formaggio. Infornate a 200 gradi per 20 minuti circa. Quando si sarà formata una crostina dorata in superficie, significa che è pronto per essere servito ancora bollente.