Come Riconoscere i Cipridi

Questa famiglia comprende più di mille specie di esemplari. Non ha una collocazione geografica ben precisa e i suoi esponenti sono diffusi in tutto il mondo. Infatti, i ciprinidi sono in grado di vivere e proliferare in quasi tutti gli ambienti acquatici, cosa che li rende molto adattabili alle diverse condizioni che vengono riprodotte in acquario.

La loro forma varia molto in base all’ambinete di provenienza: possono avere una forma snella o abbastanza tozza. In generale hanno una forma simmetrica tradizionale, mentre la loro particolarità risiede nel fatto che posseggono sette pinne: due paia e tre singole. Sono anche dotati di una sorta di dentatura collocata nella faringe che riesce a tritare il cibo prima che arrivi all’intestino. Gli esponenti di questa famiglia sono diffusissimi in acquariofilia, e sempre disponibili nei negozi specializzati: l’esempio classico è rappresentato dal pesce domestico per eccellenza, ovvero il pesce rosso che viene allevato tranquillamente in acqua fredda.

Gli esemplari tropicali invece sono rappresentati da Barbi che occupano la zona di semifondo dell’acquario, i Dani, che essendo molto vivaci preferiscono le acque superficiali, e infine le Rasbore che occupano quasi tutte le zone della vasca e amano muoversi in branchi numerosi.
Dal punto di vista riproduttivo, non è sempre semplice osservare il ciclo completo in acquario: comunque, tutti i Ciprinidi disperdono le uova e non praticano le cure parentali.

Come Camminare con Eleganza

Camminare con grazia ed eleganza è determinante e basilare per una donna. Se armonizzi i tuoi movimenti mentre cammini dai una sensazione di leggerezza e di freschezza, regalandoti un’allure eccezionale. Con poche e semplici gesti puoi capire come fare.

Impara a tenere la testa alta e lo sguardo dritto davanti a te, in questo modo dimostri una personalità decisa e allo stesso tempo dai un sensazione di armonia. Una volta al giorno, per un quarto d’ora circa, poni uno o due libri sulla testa e prova a camminare avanti e indietro con piccoli passi, cercando di tenerli in equilibrio per non farli cadere.

Si può essere estremamente eleganti senza tacchi, ma quando li metti devi dare un senso di sicurezza per evitare camminate goffe, ovviamente poco eleganti. Prova quindi ad esercitarti a casa per un po’ di tempo. Se non hai mai indossato tacchi, inizia con quelli più bassi e man mano indossa quelli più alti.

Il passo non deve essere troppo corto o troppo lungo. Inoltre, non va effettuato con movimenti molto bruschi o troppo decisi, ma con calma, dimostrando allo stesso tempo agilità. Quando cammini, quindi, presta molta attenzione a come lo fai, ricordando che un portamento gradevole è un ottimo biglietto da visita.

Come Immedesimarsi in un Personaggio

Quando un attore deve impersonare un personaggio troppo famoso o particolarmente carismatico deve impegnarsi al massimo grado. La difficoltà si acuisce nel momento in cui quel ruolo è stato affidato in passato ad un mostro sacro del cinema o del teatro. Come si fa ad immedesimarsi nel personaggio che bisogna interpretare? Ecco come fare.

Non appena il capocomico o il regista ha in mano il copione completo e definitivo, deve scegliere gli attori che dovranno portare a termine il dramma. Il personaggio più difficile da scegliere è certamente il protagonista che, ovviamente, è l’attore che realmente guida tutta l’azione. Quando l’attore riceve il ruolo deve cominciare ad entrare nel personaggio e per riuscirci deve fare degli sforzi davvero notevoli.

Se si tratta di un personaggio storico o di un grande scrittore o attore o cantante, l’approccio al personaggio deve avvenire tramite la lettura di testi che riguardano sia lo stesso personaggio che il periodo storico in cui ha vissuto e agito e sia anche testi riguardanti il paese o la nazione d’origine. Questo tipo di lettura è molto importante perchè ti dà un quadro di quello che poteva essere il modo di pensare di quel personaggio.

Altra mossa importante da fare è quella di leggere i suoi libri se era uno scrittore o ascoltare i suoi dischi se era un cantante o magari guardare i suoi quadri se era un pittore. Ancora si può dimostrare utile andare a vivere per qualche tempo nel paese in cui il personaggio ha vissuto e, se per caso era un carcerato o un poliziotto o un pazzo, provare quella condizione per qualche tempo per poter capire come doveva essere la sua esistenza.

Insomma ci vuole una sorta di assimilazione al personaggio, quasi un’identificazione per poter diventare qualcun altro. Lo studio intenso, l’impegno, la costanza, il sacrificio insieme alla determinazione ed il talento faranno il resto.

Come Allenarsi in Spiaggia

Ti spiego come puoi eseguire esercizi per consumare calorie anche in spiaggia. Molte palestre d’estate chiudono e comunque allenarsi al chiuso è sempre faticoso e in più si passa molto tempo al mare. Non esistono però solo le attività di acquagym o la tonificazione a terra ma possiamo fare anche cardio e insieme tonificare la muscolatura con gli esercizi di questa guida.

Inizia con gli squat jump. Sistemati in posizione di squat, scendi con tutto il bacino indietro, le ginocchia piegate, le gambe divaricate e la schiena dritta. Da questa posizione salta verso l’alto, più in alto che puoi e porta le braccia sempre verso l’alto. Riportati in posizione squat, scendi portando sempre il bacino indietro.

Stai in piedi, apri e chiudi le gambe velocemente con un piccolo saltello e fai lo stesso con le braccia, distendile in alto ai lati del capo fino a farle toccare quando chiudi le gambe e portale a croce quando divarichi le gambe. Esegui l’esercizio molto velocemente. Divarica bene le gambe e appoggia interamente i talloni a terra in fase di apertura.

Esegui ora dei salti in avanti, unisci i piedi, fletti le ginocchia e porta le braccia in avanti per darti la spinta, salta in avanti cercando di arrivare più lontano che puoi. Fai poche ripetizioni e tieni conto che lo scatto sulla sabbia è molto più faticoso e richiede molte più energie, sceglie le ore con meno sole.

Cosa Vedere a Chartres

Chartres è una cittadina francese molto nota per la sua meravigliosa cattedrale. Essa dista da Parigi 88 kilometri in direzione sud-ovest, quindi se siete in vacanza nella romantica capitale francese, potrete farci facilmente un salto con una gita fuori porta di un giorno!

Chartres è nota soprattutto per la fantastica Cathédrale Notre-Dame che svetta nel cuore della città, circondata da una fertile campagna coltivata. Essa domina la cittadella medievale, grazie alle sue splendide e spettacolari vetrate istoriate di color blu e alle reliquie che contiene, richiama migliaia di fedeli da tutta Europa.

Essa è costruita in stile gotico all’inizio del XIII secolo in sostituzione di una chiesa romanica distrutta da un incendio. L’opera di ricostruzione ruchiese 30 anni, ma ancor oggi è possibile visitarla: sono acquistabili audioguide e visite guidate in francese per soli 4€, lasciando la carta d’identità al bookshop.

Da Parigi per raggiungere Chartres potrete prendere il treno della SNCF che collega la Gare Montparnasse con la cittadina medievale a soli 12 euro. Tutti i convogli passano per Versailles. Invece se noleggiate un’auto prendete la Route A6 dalla Porte d’Orleans in direzione Bordeaux-Nantes, poi route A10 e A11 e uscite a Chartres.