Come Visitare la Valle d’Aosta

In questa guida vedremo come e cosa osservare nella Valle d’Aosta. Questa è detta anche Valle centrale quella che, seguendo la Dora con andamento prima in direzione nord-ovest e poi ovest, risale il corso del fiume da Pont Saint Martin fin verso Aosta.

Essa forma con le valli laterali afferenti, un piccolo sistema territoriale che, marcato com’è da caratteri ambientali e paesaggistici di forte rilievo, si configura anche come un articolato comprensorio turistico dotato in egual misura di richiami culturali, naturalistici, sportivi e ricreativi. Vediamo altre zone che si possono osservare.

La valle centrale qui considerata, fra Pont Saint Martin e i dintorni di Aosta (la Plaine nella parlata locale, cioè la piana valliva della Dora, che continua anche oltre il capoluogo, differenziandosi così dalle Montagne) ha mantenuto a lungo una solida base industriale, la quale, però, negli ultimi decenni è andata incontro a molteplici difficoltà.

Infatti ha indotto l’Unione Europea a riconoscere la zona come area di crisi. In tale contesto va inquadrata, l’importante riqualificazione del forte di Bard e del sottostante bordo con fondi comunitari. La struttura si propone come porta d’accoglienza della Valle e ha lo scopo di incentivare quel turismo locale.

Come Preparare Crostini al Caviale di Melanzane

Desideri preparare un ottimo antipasto per i tuoi ospiti? Allora ti consiglio di cucinare questi deliziosi crostini al caviale di melanzane. Il tempo di preparazione di questo piatto è di soli 40 minuti e il risultato è ottimo. Prepara gli ingredienti e porta anche tu in tavola un buonissimo antipasto.

Occorrente
8 fette di pane carré
5 melanzane
2 spicchi d’aglio
1 cipollina fresca
1 cucchiaio di succo di limone
Peperoncino in polvere
Olio d’oliva
Sale

Prima di inizia a realizzare questo delizioso antipasto, accendi il forno a 200 gradi. Prendi le melanzane, lavale accuratamente, asciugale per bene e privale del picciolo. Metti le melanzane in forno per circa 30 minuti, fino a quando l’interno risulterà morbido e la buccia ben abbrustolita. Per accorciare i tempi di preparazione puoi pure mettere le melanzane tagliate a metà nel forno.

Una volta cotte, sbucciale accuratamente, eliminando una parte dei semi e dei filamenti. Poi schiaccia la polpa delle melanzane aiutandoti con una forchetta in modo da ridurla in pasta (puoi pure compiere questa operazione con l’utilizzo del frullatore). A parte spremi per bene la cipolla e l’aglio.

Aggiungi il succo dell’aglio e della cipolla spremuti alla polpa delle melanzane e lavora il composto, unendo poco alla volta l’olio, il limone e una punta di peperoncino in polvere. Aggiusta di sale, copri la terrina contente il composto e riponila in frigorifero fino al momento di servire. Spalma il caviale di melanzane sui crostini di pane tostato.

Come Preparare Budino di Riso

Vogliamo cucinare qualcosa di buono e veloce per i nostri ospiti? Niente di più semplice che preparare un budino di riso con marmellata. La guida spiega, passo per passo, tutti i passaggi per preparare un ottimo dolce, impiegando pochissimo tempo.

Occorrente
7 dl latte
100 gr riso
50 gr zucchero
20 gr burro
1 uovo intero
Scorza di limone grattugiata
Sale
1 presa

Prendete tutti gli ingredienti e sistemateli sul tavolo. Cuocete il riso in sei decilitri di latte e, a metà cottura, versate nel medesimo gli ingredienti, escluso lo zucchero. Rimuovere spesso con il mestolo, perché il riso tende ad attaccare. Quando si sarà ristretto, levare dal fuoco e aggiungere il latte rimanente.

Prendere uno stampo con il buco, facendo attenzione che il composto risulti alto almeno 2 cm. Versare lo zucchero e mettere a fuoco moderato, finché lo zucchero risulti sciolto e di colore marrone chiaro. Versare il riso nello stampo e cuocere a bagnomaria. Attendere che si raffreddi per sformarlo, poi riempire il centro con una composta di mele o prugne secche o altra composta.

Composta di mele. Predisporre circa 200 gr di mele preferibilmente di pasta rosa, che sono dure e odorose. Sbucciare, tagliare a spicchi e gettarle via via nell’acqua fresca, per mantenerle bianche. Mettere queste mele in una casseruola, coperte appena di acqua. Quando inizieranno a bollire, aggiungere 70 gr di zucchero ed un cucciaio di Kirsch. Una volta cotte, togliere le mele e fare restringere lo sciroppo. Aggiungere alla composta fredda così ottenuta un ultimo cucchiaio di Kirsch. Servire al centro del budino.

Composta di prugna. Predisporre circa 120 gr di prugne e 60 gr di zucchero. Prima di farle bollire, farle rinvenire per 5 o 6 ore, poi procedere come con le mele. Servire al centro del budino, riempiendolo con la composta appena preparata. Rimarrete sorpresi del risultato appena ottenuto.

Come Preparare un Buffet

A volte la preparazione di un buffet semplice può risultare un tocco di eleganza senza l’ausilio di orpelli e fronzoli che non sempre sono necessari. La preparazione del buffet deve essere strettamente legata anche all’ambiente ed allo stile del luogo in cui sarà collocato.

Occorrente
Tavoli della stessa misura
Tovaglie bianche quadrate
Tovagliee bianche tonde
Mollettoni copritavolo
Piatti
Posate
Statue di bronzo o marmo
Coppia di candelabri uguali

Non è estremamente difficile preparare un buffet di questo tipo, quello che bisogna avere è senso pratico e delicatezza. Il gusto subentra più nelle creazioni più complesse. Per prima cosa devi allineare i tavoli uno affianco all’altro, in modo da ottenere un tavolo lungo. In genere si fa davanti ad un muro, lasciando lo spazio dietro per poter passare. Cerca di ottenere una linea dritta.

Ora devi stendere i mollettoni, che serviranno per non far scivolare le tovaglie dal tavolo. Ricoperta tutta la superficie del tavolone inizia a stendere le tovaglie quadrate in modo da farla scendere giusto a filo di pavimento, tutte alla stessa altezza, cercando di non avere sbavature. Quello che avanza ai lati basta piegarlo e portarlo indietro e fissandolo con una puntina o del nastro adesivo trasparente.

La tovaglia centrale è importante. Piazzala giusto al centro, magari facendola scendere sul pavimento di un pò. Successivamente, al centro esatto, a circa mezzo metro dal bordo, con un pizzico prendila e portala al bordo del tavolo e fissala con una puntina o uno spillo, in modo da ottenere l’arricciamento con quell’effetto di drappeggio centrale. Completa il tuo buffet mettendo piatti ai lati in pile basse, cercando sempre la massima simmetria. Le posate vanno separate e messe in piatti coperti da tovaglioli di stoffa. Agli estremi del buffet mettici i candelabri con lunghe candele bianche e magari, al centro esatto, in concomitanza col centro del drappeggio, metti qualche fiore che intoni bene coi colori del tuo buffet.

Come Visitare Torre di Barì

Torre di Barì è una località del comune di Bari Sardo, splendida meta di vacanza estiva, Torre di Barì è caratterizzata da spettacolari e selvagge spiagge di incomparabile splendore naturalistico. Ecco quindi una guida che ti aiuterà a visitare le più belle spiagge del luogo.

Torre di Barì è una grande spiaggia di sabbia dorata adatta a tutte le esigenze sia delle famiglie sia delle persone in cerca di intrattenimento e divertimento, sempre molto affollata soprattutto in alta stagione, Torre di Barì offre un mare cristallino e abbastanza profondo ideale per gli amanti delle immersioni. Per raggiungerla prendi la strada che porta alla Torre di Barì, da qui dopo circa 5 km si arriva alla spiaggia. Per dettagli è possibile vedere questa guida sul sito Migliorispiagge.com.

Un’alta splendida spiaggia è Sa Marina, una striscia di sabbia chiara circondata da profumata vegetazione, che grazie alle sue acque limpidissime e trasparenti e l’abbondante fauna marina è meta ideale per gli appassionati di immersioni e pesca subacquea. Per raggiungerla ti basterà prendere la strada costiera verso sud e seguire attentamente le indicazioni.

Proprio vicino a Sa Marina, troverai Foxi, una splendida spiaggia di grande fascino naturalistico ricca di specie di grande interesse faunistico come germani reali, aironi e tanti altri. Quasi mai troppo piena e affollata, Foxi è facilmente raggiungibile dalla statale 125, arrivato a Barì Sardo gira per la Sa Perda, da qui segui attentamente le indicazioni per Foxi, che si trova proprio dopo un grande campo sportivo.